Giulio II: il Papa cowoy




AA


Prima Fila Marzo 2004

Giulio II: protagonista in teatro di un pezzo di storia
IL PAPA COWBOY

Vita, avventure e battaglie di Giulio II

Di Marco Ghelardi
Regia di Marco Ghelardi e Christine Hooper
Con Mario Pirovano
Produzione Compagnia Teatrale Cattivi Maestri



Curioso per iniziare: un Papa protagonista di un lavoro teatrale, e per di più recitato alla maniera di Dario Fo, scritto e realizzato per rendere omaggio al pontefice Giulio II nel cinquecentenario dell'elezione al soglio pontificio. Giuliano della Rovere nacque ad Albissola ed in questa cittadina in provincia di Savona Il Papa cowboy è stato solo uno degli appuntamenti del ricco calendario per celebrarlo. Il testo scritto e diretto dal savonese Marco Ghepardi, con la collaborazione di Christine Hooper e la Compagnia dei Cattivi Maestri, è una lezione di storia che diventa spettacolo attraverso l'ironia e la comicità, veicoli eccezionali per far arrivare informazioni, avvenimenti, epoche e personaggi. Ed è anche una lezione ai nuovi signori della guerra di oggi che non indugiano nel voler governare mediante essa.
Sconfinando oltre la figura del pontefice, un po' guerriero, un po' mecenate, rappresentante della fede, principe, personalità coinvolgente e controversa del Rinascimento, Il Papa cowboy tratteggia un uomo a tutto tondo con pregi, difetti, insicurezze e sentimenti, assecondando i toni del tragicomico.
L'interprete, Mario Pirovano, reduce dal successo della sua turnée in Australia con il Johan Padan, al Festival Internazionale delle Arti di Melburne, si cala vigorosamente nelle vicende del Papa, in un continuo movimento sulla scena con espressioni del corpo, del viso, con l'arte dello stare sul palcoscenico assimilata durante il suo percorso artistico a fianco di Dario Fo che lo ha definito "un autodidatta di grandi qualità espressive".
aa


Mario Pirovano

AA